ptarzh-CNenfrdeitjarues

Il Ministero delle Miniere e dell'Energia crea un gruppo di lavoro per discutere la sicurezza informatica nel settore elettrico

Valuta questo oggetto
(1 Vote)
Martedì 30 marzo 2021 18:42

Obiettivo di continui attacchi, le aziende energetiche saranno valutate dal GL

 elettricità 3442835 1920

 

Il National Energy Policy Council ha approvato la creazione di un gruppo di lavoro - formato da rappresentanti di enti pubblici e istituzioni di settore, con la collaborazione di esperti della società civile - che definirà le linee guida per l'attuazione della cybersecurity nel settore elettrico. Il gruppo di lavoro analizzerà le esperienze di enti pubblici e aziende nel settore elettrico e discuterà aspetti di prevenzione, trattamento, risposta agli incidenti e resilienza sistemica.

Il gruppo sarà coordinato dalla MME e avrà tra i suoi membri rappresentanti dell'Ufficio Istituzionale di Sicurezza della Presidenza della Repubblica (GSI), il Gestore del Sistema Elettrico Nazionale, l'Agenzia Nazionale dell'Energia Elettrica, la Camera di Commercio dell'Energia Elettrica ed EPE.

Secondo il Direttore Commerciale di TI Safe, Claudio Hermeling, il mercato dell'energia è oggetto di continui attacchi e le aziende hanno urgente bisogno di fare investimenti per garantire la sicurezza dei propri beni. Le invasioni stavano già avvenendo con maggiore frequenza a causa della digitalizzazione dei servizi, ma si sono intensificate durante la pandemia dello scorso anno, quando istituzioni e aziende hanno adottato il lavoro a distanza. Ad esempio, i distributori come Light, Energisa e Copel, la Energy Research Company e Eletronuclear sono stati vittime. Pertanto, la mobilitazione della MME per creare il gruppo di lavoro.

Hermeling spiega che i casi di attacchi alle società elettriche brasiliane, segnalati fino ad ora, riguardavano solo le aree dell'IT, compromettendo gli ambienti aziendali, cioè interrompendo alcune chiamate e attività amministrative. Tuttavia, stima che se questi attacchi raggiungessero le reti operative, le conseguenze sarebbero drastiche. Potrebbero spaziare dal furto di dati, modifiche ai sistemi e persino compromettere i servizi essenziali di generazione, trasmissione e distribuzione di energia, causando perdite finanziarie per i concessionari e altre incalcolabili per l'intera società, che soffrirebbe della mancanza di approvvigionamento energetico per lunghi periodi.

“L'aumento della superficie di attacco e la crescita della digitalizzazione sono i fattori che contribuiscono alla fragilità delle reti operative. In diversi progetti di digitalizzazione, non sono previste sostituzioni di apparecchiature, ovvero, contemporaneamente, sistemi obsoleti o obsoleti operano in combinazione con quelli digitali. Questi sistemi legacy rappresentano potenziali rischi che richiedono un'attenzione particolare ”, spiega Hermeling.

Secondo TI Safe Sales Manager, le aziende devono osservare lo scenario sia degli attacchi che delle nuove risoluzioni e stabilire strategie per aumentare gli investimenti in sicurezza, mitigare gli impatti e garantire lo stato di salute delle reti operative. L'esecutivo sottolinea inoltre che un altro punto molto importante da considerare è la necessità di formazione sulla sicurezza per tutti i team che lavorano nelle reti operative, perché, secondo lui, molti sono ancora all'oscuro dei rischi e delle metodologie che possono ridurre gli attacchi.

TI Safe dispone di professionisti altamente qualificati, in grado di assistere in tutti i processi necessari per l'implementazione e la gestione della cybersecurity in ambienti critici. La sfida che le aziende dovranno affrontare per raccogliere la nuova procedura di rete di ONS e ANEEL, TI Safe dispone di una soluzione esclusiva, sviluppata internamente, basata sulle norme e le best practice di mercato per organizzare, eseguire e far funzionare la cyber security in sistemi industriali e critici infrastruttura. Questa soluzione soddisfa tutte le ondate di implementazione presentate da ONS per la nuova procedura di rete. Per saperne di più visita.

Lido 202 volte Ultima modifica il lunedì, 05 April 2021 11: 17

Copyright © 2007-2020 - Sicurezza informatica sicura - Tutti i diritti riservati.